Archivi del mese: gennaio 2006

VERDE BILE

 l’ho sempre detto che bisogna diffidare dei parenti, ancor di più se nati dopo il 1981, tifosi della lazio, per di più capitolini .Ma dovresti averlo capito, brutta scema!  non ti son bastati 25 anni di di indifferenza per comprendere … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 8 commenti

C-LORO

nel cloro la mia testa diventa una radio. mi sintonizzo via via su canzoni diverse. comincio con Magical Mystery Tour, ecco questa mi va benissimo, mi carica mi fa spingere un po di più. poi cambio e attacca Moltheni, Area … Continua a leggere

Pubblicato in acqua, musica | 8 commenti

Stradine di pietra da salire per poi ridiscenderle più velocemente, respirando odore di legna in quei vicoletti fermi nel loro tempo che  si aprono ogni tanto su grandi terrazze davanti alle quali è bello fermarsi ed ascoltarsi e "sentirsi" nuovamente. … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 4 commenti

STRANO

un altro fantasma in casa, e si fa sentire sempre di mattina intorno alle 5.30 ti ho riconosciuto sai. la stanza è stata invasa da quell’inconfondibile odore di mosto d’uva, quello stesso profumo che annusavo in cantina, tornata dalla vigna, … Continua a leggere

Pubblicato in fantasma, passato | 9 commenti

SEGRETO

"Allegra Compagnia" Prime note e non riesco a stare ferma. ti prende questa voglia di ballare, e la musica è allegra trascinante. Anche il micio balla con me. giriamo nella stanza blu, con la luce soffusa, e un crepitio di … Continua a leggere

Pubblicato in in forno, musica | 4 commenti

i hate you

Giornata degli incontri funesti. signora settantenne dall’apparenza amabile ed innocua, sfodera unghie e voce da tenore, mentre agita "cartacce" sotto il mio naso, suggerendomi posti adatti in cui posizionare le stesse, scagliando terribile anatema contro di me. ed io? cerco … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

SERVI

La bona di turno fa ingresso trionfale nel grigio ufficio. unghie laccate, cappottino bianco e viso abbronzato da raggi artificiali. E stranamente questa stanza si popola di maschietti, tutti gentili servili prostrati ai suoi tacchi a spillo. rido, intanto rido

Pubblicato in Uncategorized | 5 commenti