Ecco stavo pensando che

La felicità è volatile come la vitamina c.

Va assaporata con velocità!

 

Pubblicato in cane | Lascia un commento

Domani domani

Domani sarà un domani particolare. Sai alsoit avevo promesso di invitarti ma il postino ha fatto un guaio con gli inviti 🙂
Ma tu sarai la mia testimone virtuale

Pubblicato in cane | 8 commenti

Le emozioni social

L’estrema condivisione social delle emozioni e degli eventi della propria vita. 

Tutto ridotto a faccette in fila nei commenti e necessità di far entrare il mondo la dove non dovrebbe entrare.

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Pensiero

È utile secondo te vivere alcune giornate legando il pensiero ad una aspettativa? Vincolare quelle ore ad un desiderio da realizzare, un pensiero che concretizzato in fatto rende il tuo animo più leggero?

Pubblicato in perche, present tense | Lascia un commento

L’importanza delle parole

L’importanza di un grazie di questi tempi.
Una parola semplice con la z che stridé un po’ li quasi al centro, ma che fa simpatia se pronunciata con accento emiliano.
Una parola a volte superflua per tanti ma significativa per altri.
Molti ne hanno dimenticato l’uso e diventano improvvisamente ai miei occhi trasparenti ed inutili come i botti di capodanno

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

Primavera la la la la

Gli alberi hanno cambiato repentinamente colore.

Fino a qualche giorno fa era una esplosione di rosa, ora solo foglioline rosse, prima camminavo sotto un cielo di petali, ora solo spazio ai rami frondosi.

E quei petali di tanto in tanto si facevano portar via dal vento ed era una pioggia di colore sulle mani e sul viso. Nessun profumo, solo colore.

Folate di vento colorate che fanno della primavera la mia stagione preferita.

Pubblicato in present tense | Lascia un commento

U2

Ricordo esattamente la priva volta che ho ascoltato la voce di Bono Vox!

Ero nel camerino di un negozio d’abbigliamento da quattro soldi e provavo un maglioncino a collo alto di lana morbidissima. La moquette rossa puzzava di chiuso come il negozio. E dall’altoparlante nella cabina prova arrivava una musica fantastica, note che non avrei mai più scordato.

Era The Joshua Tree. A casa ce l’avevamo, mio fratello l’aveva comprato, un bel vinile dalla copertina in bianco e nero, essenziali loro e la musica dei vecchi unici U2.

Ho adorato One tree hill e poi tutte le altre, da allora in poi, per tutti gli anni ed album a venire.

U2

 

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | 2 commenti